LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 01-03-2019 Boeing lancia il suo Loyal Wingman Presentato in Australia il Boeing Airpower Teaming System, loyal wingman senza pilota data: a cura di:


Boeing Austrialia, in collaborazione con il Ministero della Difesa australiano, ha rivelato il Dimostratore di Concetto Boeing Airpower Teaming System, che è il primo velivolo senza pilota sviluppato da Boeing in Australia. L'UAV è il risultato di studi e sviluppo congiunto con la Royal Australian Air Force e dovrebbe andare in volo per la prima volta nel 2020 con il laboratorio ad alta tecnologia Boeing Phantom Works a capo del programma. Il BATS è pensato per lavorare a stretto contatto con velivoli manned, sia da caccia sia grandi piattaforme ISTAR, espandendo le capacità dell'intera formazione. L'idea è di associare da 4 a 6 BATS ad un caccia manned.

Il velivolo ha dimensioni paragonabili a quelle di un caccia pilotato, con una lunghezza di 11,7 metri. La sua autonomia arriva a 2000 miglia nautiche, ma non è specificato un raggio di combattimento che, senza dubbio, dipenderà dalla missione e dal carico. Il velivolo è inteso come sistema modulare e riconfigurabile, con la possibilità di installare diversi sensori per intelligence, sorveglianza, ricognizione e guerra elettronica. Il velivolo usa intelligenza artificiale per volare autonomamente in formazione in modo sicuro, mantenendo le distanze. Per ora Boeing non si è espressa sulle capacità di trasportare armamento, mentre per il motore ci si aspetta nel prossimo futuro la selezione di un sistema già maturo e disponibile sul mercato.

La modularità del velivolo, che presenta linee esterne “stealth” è destinata anche a permettere ad altre nazioni di acquisire il velivolo “base” e adottarlo alle proprie esigenze integrando sistemi e requisiti nazionali.

BAE Systems Australia è partner dello sviluppo e porta in dote conoscenze di autonomia e intelligenza artificiale provenienti dalle esperienze maturate con la sua contromisura elettronica NULKA e con il prototipo di UCAV britannico TARANIS.

Per avere successo, il BATS dovrà necessariamente essere economico. Al momento è difficile stimarne il prezzo unitario, ma a titolo di paragone Kratos Defense sostiene di poter costruire il suo UCAV Loyal Wingman per appena 2-3 milioni di dollari ad esemplare. Kratos è un'azienda leader in droni-bersaglio avanzati e sistemi unmanned fra cui spicca l'MQ-58 VALKYRIE, un UCAV stealth a basso costo proposto all'USAF per il requisito Low-Cost, Attritable Strike Unmanned Air System Demonstration (LCASD). Il BATS di Boeing probabilmente punterà allo stesso programma, e potrebbe proporsi anche per l'annunciato progetto britannico per uno squadrone di swarming UAVs per la Royal Air Force.


Condividi su: