LEONARDO
RID Articoli Mese
logo Stato Maggiore Difesaa cura dello Stato Maggiore Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 29-10-2018 Corsi di formazione per militari libici data: a cura di:

Si è conclusa nei giorni scorsi, con una dimostrazione delle capacità acquisite e la consegna degli attestati di partecipazione, una serie di corsi rivolti al personale militare del GNA, preposto alla sicurezza dell’Ospedale di Mitiga in Tripoli, presso il quale opera con continuità personale medico militare italiano.

I corsi in parola, organizzati dalla MIASIT nell’ambito dell’attività di assistenza e supporto alla Libia, hanno visto la partecipazione di 25 unità del personale militare libico e sono stati orientati allo sviluppo delle loro capacità al fine di garantire la sicurezza di un’installazione militare. Nonché a fornire le competenze di base per il primo soccorso tattico.

Nel dettaglio sono state sviluppate attività pratiche, quali tecniche di approccio alle persone sospette, alla perquisizione personale e veicolare, alla tecnica di immobilizzazione, di uso e maneggio delle armi. Inoltre procedure relative al primo soccorso tattico, ai movimenti tattici ed alla liberazione di ostaggi all’interno dei locali dell’Ospedale.

La cerimonia di fine corso è stata condotta alla presenza del Comandante della Missione Bilaterale di Assistenza e Supporto in Libia, del Generale di Brigata Ignazio Lax, dell’Ispettore Generale della Sanità Militare libica e dei responsabili dell’unità addestrata. Le autorità libiche presenti hanno elogiato l’attività svolta dagli istruttori italiani e l’impegno profuso dalle Forze Armate italiane nel fornire un contributo decisivo per la stabilizzazione del Paese.

La Missione Bilaterale di Assistenza e Supporto in Libia fornisce supporto alle Forze di Sicurezza e alle Istituzioni governative libiche, sviluppando attività di cooperazione sia in Libia sia in Italia, al fine di incrementare le capacità libiche di stabilizzazione del Paese, supportando l’azione della Libia nel contrasto al terrorismo e ai flussi migratori illegali.


Condividi su: