LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 03-10-2018 NATO: tornano gli euromissili? Alla Ministeriale della Difesa si parla di INF e burden sharing data: a cura di:

Parte oggi a Bruxelles la Ministeriale della Difesa NATO. I temi più importanti in agenda sono 3. Prima di tutto l’obbiettivo del 2% sul PIL da destinare alla Difesa. Nella conferenza stampa di presentazione di ieri, il Segretario Generale Jens Stoltenberg ha parlato apertamente di “nuovo senso di urgenza” per conseguire questo obbiettivo con “piani nazionali credibili”. Certamente, per l’Italia questa è una prova del nove viste le voci sempre più insistenti di tagli significativi al Bilancio ordinario della Difesa; voci peraltro sostanziate da quanto già accaduto con il programma CAMM ER (su cui però nelle ultime ore paiono aprirsi nuovi spiragli accompagnati da ipotesi di ripresentazione del decreto...). A seguire, si parlerà di difesa e deterrenza, in particolare del nuovo missile da crociera russo a lungo raggio lanciabile da terra Novator 9M729 (SSC-8), la cui esistenza è stata di recente ammessa anche da Mosca. Il missile violerebbe il Trattato sul disarmo INF (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty) – che elimina tutti i missili balistici e da crociera lanciabili da terra con una portata compresa tra 500 km ed i 5.500 km – tanto che la questione, dopo alcuni anni di scambi di accuse a livello bilaterale tra Mosca e Washington (che ha già avviato gli studi e le ricerche per realizzare un contraltare), è “scalata” pubblicamente a livello NATO. Nella succitata conferenza stampa, Stoltenberg ha parlato di Trattato INF “in pericolo” e di Alleati concordi nel ritenere la “Russia in violazione del Trattato”. Infine, tra le altre cose, si parlerà anche di cooperazione NATO-Georgia e di sicurezza nel Mar Nero.


Condividi su: