logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
La missione in Niger data: 29-12-2017 a cura di: Pietro Batacchi

La missione in Niger, che verrà dispiegata nel Paese del Sahel nelle prossime settimane, avrà il compito di addestrare le Forze Armate e di Polizia nigerine e supportarle nel controllo e monitoraggio di un'area strategica al confine con la Libia, fondamentale per i flussi migratori ed i traffici diretti verso l’Europa e l’Italia. Nel dettaglio si tratta di una missione sotto mandato ONU (anche se tecnicamente non sarà una missione ONU tipo UNIFIL in Libano), richiesta dal Governo del Niger, che vedrà l'Italia operare a fianco di Stati Unti, Francia, Germania, e 5 Paesi africani tra cui Mali, Mauritania, Ciad, Burkina Faso e pure lo stesso Niger. In pratica, i nostri militari lavoreranno in coordinamento con gli uomini dell’Operazione francese BARKHANE, attiva da tempo in tutto il Sahel, e con le forze americane presenti nella regione, nonchè con le controparti nigerine. La missione, pertanto, si caratterizza come impegno a tutela dell'interesse nazionale in uno scacchiere, quello del Mediterraneo Allargato, che è vitale per la sicurezza dell'Italia e che il Libro Bianco identifica come area d'intervento prioritario dello strumento militare del nostro Paese. Come affermato anche dal Ministro della Difesa Pinotti in un'intervista a Repubblica, la missione sarà composta da un numero massimo di 470 militari ed oltre 100 veicoli e si schiererà sul terreno in 3 fasi con una prima aliquota di 30 unità, poi 120 ed il totale entro la fine dell'anno. Lo Stato Maggiore della Difesa non ha ancora fornito ulteriori dettagli circa la composizione e la configurazione del contingente che, ricordiamo, andrà ad operare in un'area molto impegnativa sotto il profilo della sicurezza dove sono attive cellule della locale branca dello Stato Islamico, gruppi legati ad AQMI (Al Qaeda nel Maghreb Islamico) e bande criminali di ogni genere, e dove solo 2 mesi fa in una battaglia con miliziani jihadisti sono stati uccisi 4 Berretti Verdi americani. Non è noto neppure dove verrà dispiegato il contingente. Al momento sono state condotte da personale italiano alcune ricognizioni nell’area, ma un’opzione potrebbe essere quella di un utilizzo congiunto della base franco-nigerina di Madama, nei pressi del confine con la Libia. Un paio di aerei da trasporto dovrebbero assicurare i collegamenti, ma è lecito attendersi anche il dispiegamento di una componente elicotteristica, quanto mai necessaria in un contesto molto complicato da un punto di vista logistico ed orografico. A Madama è da tempo attivo un contingente francese basato su un distaccamento blindato francese, forze speciali, più, ovviamente, tutti i necessari elementi logistici, del genio e di supporto. La base è servita da una pista capace di far atterrare e decollare velivoli cargo e da pad per elicotteri. Parallelamente al nuovo impegno militare in Niger, l'Italia alleggerirà nel 2018 la propria presenza in Afghanistan e dimezzerà quella in Iraq, dove il numero dei nostri militari scenderà dagli attuali 1.500 a 700-800, che continueranno il training per le FA e le Forze di Polizia irachene, come conseguenza della sconfitta dello Stato Islamico.


Condividi su: