a cura dello Stato Maggiore Difesa
Nave Fasan addestra guardia costiera somala Operazione Atalanta data: 30-10-2017 a cura di: Stato Maggiore Difesa

Dal 24 al 26 Ottobre, la Fregata Virginio Fasan, unità di bandiera dell’Operazione antipirateria Atalanta, impegnata in pattugliamento al largo della costa centrale somala, ha condotto una serie di attività addestrative a favore di alcuni militari della Guardia Costiera di Hobyo, un villaggio della regione del Galmudug in Somalia che, in passato, è stato un centro di reclutamento ed addestramento per la pirateria. 
Queste attività, che spesso vengono svolte a bordo delle Unità dell’EUNAVFOR Somalia - Operation Atalanta, comandate dal Contrammiraglio Fabio Gregori, hanno l’obiettivo di addestrare le forze di polizia locali nell’acquisire le conoscenze necessarie per operare in autonomia nel contrasto alle attività illecite come la pirateria. Il mandato dell’Operazione Atalanta, infatti, deciso dal Consiglio Europeo in adempienza a varie risoluzioni ONU, non prevede solo il contrasto alle attività di pirateria e la salvaguardia del traffico marittimo, ma si pone anche l’obiettivo di fornire alle forze di polizia marittima locali le nozioni necessarie a fronteggiare, in maniera indipendente, il preoccupante fenomeno.
A tal proposito, gli assetti europei dislocati in Oceano Indiano, principalmente dedicati alla lotta alla pirateria, all’occorrenza si trasformano in piattaforme di supporto ed addestramento dove i nostri militari mettono a disposizione la loro professionalità e conoscenza nel fornire alle forze di polizia marittima locali la preparazione di base per operare in contrasto alla criminalità marittima.
In quest’occasione è stato svolto un addestramento di tipo pratico nella condotta dei mezzi minori ed un’esercitazione riguardante il Basic Life Support (BLS), in cui la componente sanitaria di bordo illustra, in maniera sia teorica che pratica, le principali manovre da effettuare ad un ferito in pericolo nell’attesa di un soccorso mirato.
Inoltre, negli stessi giorni, il Capitano di Fregata Sebastiano Rossitto, comandante di Nave Fasan, ha ospitato a bordo una rappresentanza della comunità somala del villaggio di Hobyo, tra cui il Vice Sindaco della città e la presidente dell’associazione per i diritti delle donne, la signora Sacda Axmed Jinaal. La visita ha rappresentato un prezioso momento di confronto, con il duplice scopo da un lato di informare la popolazione locale circa la portata della missione Atalanta promuovendone la comprensione, dall’altro, agendo come effetto dimostrativo di presenza delle forze navali europee e deterrenza nei confronti di organizzazioni criminali che interessano il territorio e che in passato hanno trovato nella pirateria una forma di guadagno. La visita ha inoltre ha offerto la possibilità al Comandante e all’equipaggio di mostrare alla comunità locale le capacità operative di Nave Fasan esprimibili per il contrasto alla pirateria.
Nave Virginio Fasan, al termine degli eventi, ha ripreso la propria missione nelle acque dell’Oceano Indiano per continuare a garantire la presenza e la sorveglianza nelle acque del Bacino Somalo e dell’Oceano Indiano per assicurare la protezione del traffico mercantile in transito in questa importante area geografica.   

La notizia completa corredata di galleria fotografica è pubblicata sul portale Difesa.it ed è raggiungibile dal seguente link.


Condividi su: