a cura della Rivista Italiana Difesa
SEA BREEZE 2017: SOF USA nel Mar Nero data: 02-08-2017 a cura di: Michele Taufer

Lo scorso 22 luglio si è conclusa l’edizione 2017 dell’esercitazione multinazionale SEA BREEZE. Le manovre militari, iniziate quest’anno il 10 luglio, hanno avuto lo scopo di migliorare le capacità dei partecipanti nella conduzione di operazioni in materia di sicurezza marittima. L’area interessata dall’esercitazione è stata, come di consueto, quella del Mar Nero occidentale e, in particolare, le acque prospicenti la città ucraina di Odessa. Quest’anno alla SEA BREEZE hanno partecipato circa 3.000 militari, con la messa in campo di 31 unità navali e 29 aeromobili, appartenenti a ben 16 nazioni: Belgio, Bulgaria, Canada, Francia, Georgia, Grecia, Italia, Lituania, Norvegia, Polonia, Romania, Svezia, Turchia, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti d’America. Degno di nota è stato il contributo statunitense che ha fatto perno sull’incrociatore USS HUE CITY (CG 66), classe TICONDEROGA, e sul caccia USS CARNEY (DDG 64), 14° esemplare della classe ARLEIGH BURKE. Alle due unità di superficie gli Stati Uniti hanno affiancato un velivolo da pattugliamento marittimo e ASW/ASuW P-8A POSEIDON appartenente al Maritime Patrol Squadron (VP) 16, elementi del 6th Fleet Maritime Ashore Support Team (MAST), Marines del Fleet Antiterrorism Security Team (FAST) di Rota e marinai dell’Explosive Ordnance Disposal (EOD) Mobile Unit 8, del Naval Mobile Construction Battalion (NMCB) 1, dell’Underwater Construction Team 1, a cui si sono aggiunti uomini e donne appartenenti al Comando delle forze navali statunitensi per l’Europa e l’Africa. Altro contributo significativo, oltre che naturalmente quello dei padroni di casa ucraini, è stato quello della Marina Turca. Le Türk Deniz Kuvvetleri hanno rischierato una fregata classe YAVUZ, la TCG TURGUTREİS (F-241), una nave da sbarco, la TCG KARAMÜRSELBEY (NL-124), e un sottomarino classe ATILAY (AY), il TCG BATIRAY (S-349). Passando alla descrizione operativa, la SEA BREEZE 2017 si è svolta in 2 distinte fasi. La prima, nota ai partecipanti, ha permesso di familiarizzare con l’area operativa e di migliorare l’interoperabilità tra le diverse piattaforme coinvolte, esercitandosi sia in mare aperto che nel porto di Odessa e nell’entroterra ucraino. Sono state, infatti, effettuate operazioni del tipo Visit, Board, Search and Seizure (VBSS), le quali rappresentano oggigiorno una capacità critica in ambito maritime, nonché di damage control alle infrastrutture portuali, di comando e controllo (C2) e di genio campale, riparando piste d’atterraggio e costruendo fortificazioni in collaborazione con i genieri della Fanteria di Marina ucraina. Particolarmente significativo è stato poi l’addestramento congiunto svolto dai Marines della FAST con i colleghi ucraini nell’esecuzione di operazioni militari in ambiente urbano (MOUT) presso l’area addestrativa dedicata di Shirokyi Lan a partire dal 13 luglio. La seconda fase, scattata invece il 18 luglio, ha messo alla prova i reparti all’interno di uno scenario dinamico ed in continua evoluzione, modellato dai coordinatori della SEA BREEZE in risposta alle decisioni e alle azioni condotte a livello tattico-operativo dai partecipanti a seguito degli input ricevuti di volta in volta. Durante la seconda fase sono intervenute anche unità navali inserite nello Standing NATO Maritime Group 2 (SNMG2) che hanno condotto operazioni di tipo antisom, di lotta di superficie ed aeree e proseguendo le azioni anfibie, coinvolgendo anche aliquote della Fanteria di Marina turca. La SEA BREEZE 2017 verrà però ricordata per un elemento di discontinuità e di rottura rispetto alle precedenti edizioni: la presenza e l’inserimento di Forze Speciali nelle manovre. Tra i circa 800 militari americani vi erano, infatti, elementi della Naval Special Warfare Unit 2. I Navy SEAL hanno operato a fianco dei loro omologhi ucraini supportati dai convertiplani CV-22 OSPREY del 7th Special Operations Squadron del 352d Special Operations Wing di stanza sulla RAF Mildenhall. Secondo quanto dichiarato da alcuni ufficiali, la SEA BREEZE 2017 ha permesso di testare in maniera proficua l’interoperabilità tra i team di SOF statunitensi ed ucraini, integrando i vari elementi sia a livello di plotone che di special operations maritime task group. Integrazione avvenuta attraverso la condotta di manovre di tipo VBSS notturne e diurne ed anche grazie alla condivisione dell’ “expertise” in ambito di azioni dirette. Proprio la presenza di unità SOF ha destato una certa apprensione ed allarme da parte russa. Se dal punto di vista militare, la Federazione ha risposto mettendo in allerta le proprie unità nell’area e svolgendo una contro-esercitazione, da un punto di vista mediatico i russi hanno posto particolare enfasi sulla presenza degli incursori. I mass media hanno, infatti, ammonito gli ucraini ed i propri alleati a non tentare pericolose e, quanto meno allo stato attuale, ipotetiche azioni di sabotaggio alle proprie infrastrutture presenti in Crimea. I canali di comunicazione hanno poi condannato ad ampio spettro l’esercitazione, in taluni casi in maniera paradossale e contradditoria: marcando a volte una presunta “inferiorità” qualitativa e quantitativa delle unità occidentali, se paragonate alla Flotta del Mar Nero, ed altre volte gonfiando i numeri dell’esercitazione con estremo allarmismo, giungendo perfino a dichiarare la presenza di 25.000 uomini nell’area delle operazioni. Il clima, quindi, rimane sempre teso, specie anche dopo le dichiarazioni da parte del Segretario di Stato USA Rex Tillerson, il quale ha ribadito il pieno appoggio da parte degli Stati Uniti alle operazioni ucraine contro i separatisti del Donbas. Dichiarazioni a cui si aggiunge, a quanto pare, la volontà americana di fornire agli Ucraini armi a “scopo difensivo” come gli ex cutter USCG tipo ISLAND e, forse, anche di sistemi anticarro.


Condividi su: