a cura della Rivista Italiana Difesa
Terremoto geopolitico nel Golfo data: 05-06-2017 a cura di: Pietro Batacchi

Con una mossa senza precedenti, Arabia Saudita, Egitto, EAU e Bahrein hanno rotto le relazioni diplomatiche con il Qatar chiudendo le frontiere – terrestri, marittime ed aeree – con il piccolo Emirato e cacciandolo dalla colazione che combatte in Yemen contro l'alleanza tra i ribelli Houthi filo-iraniani e le forze fedeli all'ex Presidente Saleh. L'accusa mossa al Qatar è di supportare Al Qaeda, i Fratelli Musulmani e, più recentemente, anche gurppi filo-iraniani. All'iniziativa di Riad e Abu Dhabi si sono immediatamente accodati il Bahrein – dal 2011 un protettorato di fatto dell'Arabia Saudita – e l'Egitto di Al Sissi, che finanzia le sue commesse militari con i petrodollari soprattutto emiratini. Si tratta di una crisi senza precedenti che scuote il Golfo, ed il Gulf Cooperation Council (GCC), e, più in generale, tutto il Medio Oriente. In realtà, un precedente c'era stato già nel 2014-2015 quando Arabia Saudita e EAU richiamarono gli ambasciatori in Qatar congelando le relazioni con Doha. Allora, l'accusa era ancor più circostanziata: il supporto del Qatar alla Fratellanza Musulmana, nemico giurato dei Saud (per via della presunzione della Fratellanza Musulmana di governare in nome dell'Islam politico per via elettorale, mentre i Saud hanno la stessa presunzione, ma lo fanno per via ereditaria). La crisi fu risolta grazie al nuovo Re saudita Salman che raggiunse un compromesso con Doha – ed Ankara (altro grande sponsor dei Fratelli) - finalizzato a mettere d'accordo i rispettivi clienti in Siria creando un fronte unico per cacciare Assad. Un'alleanza tattica naufragata sullo stesso terreno siriano per effetto dell'intervento di Mosca. Oggi, con Assad saldamente in sella, e la normalizzazione dei rapporti tra Turchia e Russia, le ragioni che tenevano legata questa cordata di comodo vengono meno e le vecchie contraddizioni riemergono con grande virulenza. Il Qatar, assieme alla Turchia, è il principale sponsor della Fratellanza Musulmana in tutto il Medio Oriente: dalla già citata Siria, fino alla Libia, dove Ankara e Doha sostengono il Consiglio Presidenziale di Serraj, mentre Sauditi, e soprattutto, Emiratini sostengono Haftar assieme all'Egitto. La Turchia, inoltre, ha già aperto una base militare in Qatar e presto verrà stabilito anche un comando divisionale congiunto a Doha. Ai capicordata sauditi, probabilmente, non è piaciuto nemmeno il compromesso sulla Siria tra Putin e Erdogan (e, ovviamente, Khamenei...) che ha portato ai colloqui di Astana che per la parte ribelle vedono protagonisti, appunto, alcune delle fazioni del Free Syrian Army vicine alla Fratellanza Musulmana. Un compromesso che, nei fatti, legittima Assad. Soprattutto, ai Sauditi non sono mai piaciute le "relazioni normali” che il Qatar tradizionalmente intrattiene con l’Iran: relazioni basate su solidi interessi economici comuni, a cominciare dalla sfruttamento congiunto del giacimento gasifero di South Pars/North Dome, il più grande del mondo.


Condividi su: