Notizie a cura di RID
anteprima Americani ed Inglesi anche nel sud della Siria 16-05-2017

Ormai da qualche tempo forze speciali americane ed inglesi – un contingente stimato in circa 150 uomini – operano nel sud della Siria assieme ai ribelli del Fronte Sud ed alle forze speciali giordane della 37ª Brigate Forze Speciali e della 28ª Brigata Rangers. Una parte delle SOF occidentali è embedded con il Fronte Sud ed il grosso ha stabilito una base presso il posto di confine di Al Tanf. Il Fronte Sud è un gruppo ribelle anti-governativo, più o meno legato al Free Syrian Army, creato dal GID (General Intelligence Directorate), il potente servizio segreto giordano, ed attivo nel sud della Siria. Il gruppo è addestrato e supportato dalla Giordania, e da consiglieri occidentali, e rappresenta una delle poche realtà del fronte ribelle siriano affidabili per Washington. Di recente, gli uomini del Fronte Sud hanno occupato buona parte della regione desertica al confine tra Siria e Iraq – la cosiddetta Badia Siriana – scacciandone le forze dello Stato Islamico, che in precedenza controllava tale area, e puntando ad impedire che il vuoto creatosi venga riempito dai governativi consentendo loro di saldarsi con le forze e le milizie sciite irachene filo-iraniane dall'altra parte del confine. Non a caso, i governativi hanno prima iniziato ad attaccare con raid aerei le postazioni del Fronte Sud e poi hanno preso la città di  Sabaa Biyar localizzata nella Siria centro-meridionale – 128 km ad est di Damasco ed a 110 km dal confine iracheno – lungo la strategica autostrada Damasco-Baghdad e dove hanno fatto via, via affluire truppe regolari, milizie sciite e, soprattutto, un contingente delle Forze Speciali di Hezbollah. L'obbiettivo di Damasco è bloccare l'avanzata verso nord del Fronte Sud e presumibilmente spingersi verso la "tripla frontiera" tra Siria, Giordania ed Iraq e, in particolare, verso il posto di confine di Al Tanf, controllato dal Fronte Sud e dove opera come già ricordato buona parte delle suddette forze speciali americane e britanniche. La situazione nella Badia Siriana si fa, dunque, incandescente con il rischio di uno scontro tra governativi e Americani dietro l'angolo.

a cura di Pietro Batacchi
anteprima Il nuovo test balistico nordcoreano 15-05-2017

Il nuovo test missilistico nordcoreano di domenica – l'ennesimo degli ultimi 2 anni – ha scosso nuovamente il mondo. Il test – che ha visto l'ordigno effettuare una traiettoria di 700 km ricadendo poi in mare a 400 km ad ovest delle coste giapponesi - è stato un successo dopo che, invece, gli ultimi 2 condotti nel mese di aprile erano falliti. In quell'occasione in molti avevano sorriso e messo in dubbio le capacità balistiche di Pyongyang, mentre qualcuno aveva anche vagheggiato di fallimenti dovuti a presunti attacchi cyber americani (sic!). In realtà, come da sempre sosteniamo su queste colonne, la Corea del Nord ha una capacità balistica molto sviluppata e solida ed un arsenale complesso composto da missili a corto e medio raggio, raggio intermedio ed anche da missili intercontinentali. Il test di domenica potrebbe aver riguardato un missile balistico a raggio intermedio, ma al momento non è possibile confermare tale ipotesi. Di sicuro, da fine anni novanta, la Corea del Nord ha in servizio il TAEPODONG-1, un missile a propellente liquido, basato in postazioni fisse in silos, accreditato di una gittata di oltre 2.500 km e dotato di una testata del peso inferiore ai 1.000 kg. Dal TAEOPODONG-1, la Corea del Nord ha derivato il TAEOPODONG-2, il primo missile balistico intercontinentale di cui dispone il Paese. Il TAEPODONG-2 è un missile tristadio a propellente liquido, basato in silos, dalla gittata stimata di circa 6.000 km per una capacità di payload di appena 1.000 kg (ma che si ridurrebbe a 500 kg per la sua gittata massima di 9.000 km). Il sistema è stato impiegato per mettere in orbita i satelliti KWANGMYŎNGSŎNG-3, nel dicembre 2012, e KWAMONGSONG-4, nel febbraio dell'anno scorso, e, dunque, è da ritenersi operativo anche se non è chiaro di quanti esemplari possa disporre il regime. Negli ultimi anni, Pyongyang ha anche sviluppato dei missili a raggio intermedio ed intercontinentali, basati su piattaforme mobili. Nella categoria dei missili a raggio intermedio rientra il MUSUDAN, derivato dal vecchio R-27 (o SS-N-6) sovietico, SLBM (Submarine Launched Ballistic Missile) a propellente liquido. Il missile ha una gittata compresa tra i 2.500 ed i 4.000 km ed una testata da circa 1.200 kg; è stato testato ben 6 volte in volo, ma soltanto gli ultimi 2 test, condotti a giugno 2016, sono stati un parziale successo. Il MUSUDAN non dovrebbe essere ancora operativo, ma, non appena lo diventasse, rappresenterebbe una minaccia per i Paesi vicini e per tutte le installazioni militari americane nel teatro pacifico, Guam compresa. Nella seconda categoria, rientrano i missili KN-08 e KN-14, già mostrati in parata sottoforma di mock-up, accreditati di una gittata compresa tra i 6.000 km ed i 10.000 km. Si tratta di sistemi basati, appunto, su piattaforme mobili, a propellente liquido e derivati in parte dallo stesso MUSUDAN. Nessuno dei 2, però, sembra finora essere stato testato. Ben più avanti con lo sviluppo, è l'SLBM bistadio a propellente solido KN-11 che è stato testato più volte da piattaforme terrestri e sottomarine con risultati via, via migliori. L'ultimo test, condotto nell'agosto 2016 da un sottomarino a propulsione convenzionale classe SINPO da 2.000 t, è stato un successo completo. Il KN-11 dovrebbe avere una gittata compresa tra i 1.000 ed i 1.500 km ed impiegare propellente solido. A febbraio, e poi ancora ad aprile, Pyongyang ha testato anche una variante terrestre del missile, denominata KN-15, dotata di una gittata più estesa e di diverse migliorie nel sistema di guida e nelle capacità di evasione delle difese avversarie. Da un punto di vista politico il test di domenica è giunto non solo in contemporanea con il Vertice di Pechino sulla "nuova Via della Seta" e dopo la timida apertura diplomatica del Presidente Trump di qualche giorno prima, ma anche dopo l'elezione del nuovo Presidente sudcoreano "trattativista" Moon Jae-In. In pratica, con il test Pyongyang sembra aver voluto mandare un messaggio ad amici e nemici chiarendo il peso della propria parte negoziale. Beninteso: sempre che trattativa vi sia.

a cura di Pietro Batacchi
anteprima Consegnato il Romeo Romei 12-05-2017

È stato consegnato ieri presso lo stabilimento Fincantieri di Muggiano (La Spezia), il sommergibile “Romeo Romei”, ultimo di una serie di quattro unità gemelle della classe “Todaro”, tipo U212A, commissionate a Fincantieri dalla Direzione degli Armamenti Navali – NAVARM per la Marina Militare.

a cura di Redazione
anteprima Fincantieri: con Macron via libera per STX 11-05-2017

Le ultime, eventuali, ombre che potevano sorgere nell'operazione di acquisizione dei cantieri francesi STX France da parte di Fincantieri sono state dissolte con l'elezione del neo Presidente Macron. A differenza della sfidante Le Pen, infatti, contraria alla vendita all'Italia degli storici Chantiers dell'Atlantique di Saint Nazaire, come emerso nel dibattito televisivo tra i 2 candidati prima del ballottaggio, Macron è favorevole all'accordo che definisce l'operazione. Ed in questi giorni dovrebbe giungere il via libera anche della Corte Distrettuale di Seul, che gestisce la procedura fallimentare della controllante STX Offshore e Shipbuilding. A quel punto mancherà solo il parere, non vincolante, del Comitato d'Impresa di STX France - organo sindacale a composizione mista, cui partecipa anche il datore di lavoro – ed il via libera dell'antitrust europeo. In realtà si tratta di una serie di passaggi formali – per giungere al closing tra giugno e luglio – rispetto ad un accordo che è già stato ampiamente sottoscritto da Italia e Francia. L'intesa, ricordiamolo, prevede l’ingresso di Fincantieri in STX France con il 48%, mentre allo Stato francese mantiene l'attuale 33%. Le quote restanti vanno a DCNS, con il 12%, ed alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, con il 6%. Tradotto in termini monetari, il costo dell'operazione riguardante la parte italiana è di circa 60 milioni di euro per Fincantieri e circa 7 milioni per la Fondazione CRT. Per ottenere il via libera da parte del Governo di Parigi, nell'accordo sono state inserite una serie di clausole. La prima è che per 5 anni Fincantieri si impegna a mantenere invariato l'attuale livello occupazionale – 2.6000 dipendenti (ai quali vanno aggiunti i circa 7.000 addetti nell'indotto) - e la seconda è il vincolo per l'azienda italiana a non poter crescere nell'azionariato di STX France oltre il 50% per 8 anni. Detto ciò, veniamo alle considerazioni industriali. Per Fincantieri si tratta di un'operazione strategica che – al di là degli scenari sulla futura “Airbus dei mari", scenari certamente complessi e di non facile realizzazione – permette al gruppo guidato dall'AD Bono di consolidarsi come colosso mondiale del settore, da oltre 26.000 dipendenti e 5,5 miliardi di euro di ricavi, capace di competere pari a pari con i giganti sudcoreani (che, tuttavia, non possono vantare il medesimo livello di contenuto tecnologico del gruppo italiano) e di veder incrementata la sua fetta di mercato dal 38% al 55%. Da questo punto di vista, STX France porta in dote un portafoglio ordini, da qui al 2026, di 14 navi da crociera per un valore di 12 miliardi di euro, senza dimenticare pure un'expertise ed una conoscenza nel settore militare importante che copre capacità costruttive ad ampio spettro per unità che vanno dalla categoria delle navi anfibie agli OPV passando per le fregate. Fincantieri, inoltre, aveva bisogno come il pane di un cantiere grande – Saint Nazaire lo è con il suo bacino di carenaggio più lungo di Europa (quasi un chilometro) – dove costruire navi e soddisfare una domanda in crescita sia nel civile sia nel militare. Per cui, in definitiva, si tratta di un'operazione che permette al gruppo triestino di dimensionarsi al meglio sul terreno industriale, dando ulteriore prospettiva e strutturando ancor di più la crescita degli ultimi anni, e di superare i limiti fisici che per sua natura la cantieristica non può che avere in Italia. Ulteriori approfondimenti su RID 6/17.

a cura di Pietro Batacchi
anteprima G7 Taormina: l'Italia si blinda 10-05-2017

E' attualmente in discussione in Parlamento per essere convertito il Decreto Legge, varato dal Governo a fine aprile, che incrementa gli organici dell'Operazione STRADE SICURE ai fini della sicurezza del G7 di Taormina del 26-27 maggio. In particolare, il Decreto prevede l'aumento temporaneo, tra il 1° ed il 28 maggio, di 2.900 effettivi della consistenza della missione, pari in precedenza a 7.050 unità. Il grosso dei rinforzo previsti, 1.923 militari, viene assegnato dal Decreto alla vigilanza di siti e obiettivi sensibili a Taormina, mentre altri 432 uomini servono al rafforzamento dei dispositivi di vigilanza delle frontiere marittime e aeree della Sicilia e della Calabria, nonché di altre aree a rischio; i rimanenti 545 sono destinati alla protezione degli assetti militari di difesa dello spazio aereo e navale. Il costo di questo incremento di organici è di 5,360 milioni di euro, da attingersi al Fondo per le esigenze indifferibili istituito presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze. Su RID 6/17 ulteriori approfondimenti.

a cura di Redazione
anteprima PPA: via ai lavori in bacino 09-05-2017

Si è svolta oggi presso lo stabilimento Fincantieri di Muggiano (La Spezia) la cerimonia di impostazione che dà il via ai lavori in bacino del primo Pattugliatore Polivalente d’Altura (PPA). Questo PPA, primo di 7 unità, sarà consegnato nel 2021 e rientra nel piano di rinnovamento delle linee operative delle unità navali della Marina Militare deciso dal Governo e dal Parlamento e avviato nel maggio 2015. La caratteristica fondamentale di questa classe di navi è il loro altissimo livello di innovazione, che le rende estremamente flessibili nei diversi profili di utilizzo con un elevato grado di efficienza. In particolare, queste unità presentano un doppio profilo di impiego (il c.d. dual use), quello tipicamente militare e quello per operazioni di protezione civile e soccorso in mare; in aggiunta hanno un basso impatto ambientale ottenuto con opportune soluzioni tecnologiche e costruttive, come ad esempio gli  avanzati sistemi di propulsione ausiliari a bassa emissione inquinante (motori elettrici). Sono previste differenti configurazioni di sistema di combattimento: a partire da una “leggera”, relativa al compito di pattugliamento, integrata da capacità di autodifesa, fino ad  una “completa”, equipaggiata con il massimo della capacità di difesa. Inoltre l’unità è in grado di impiegare imbarcazioni veloci tipo RHIB (Rigid Hull Inflatable Boat) sino a una lunghezza di oltre 11 metri tramite gru laterali o una rampa di alaggio situata all’estrema poppa. I PPA sono lungi 132,5 m ed hanno un dislocamento a pineo carico, nella variante Full, di 6.280 t (le varianti Light e Light Plus avranno, invece, un dislocamento inferiore nell’ordine delle 400-450 t). La velocità è di oltre 31 nodi in funzione della configurazione e dell’assetto operativo e l'equipaggio comprende 173 persone. Due zone modulari a poppa e centro nave permetteranno l’imbarco di svariate tipologie di moduli operativi/logistici/abitativi/sanitari containerizzati (in particolare la zona di poppa può ricevere e movimentare in area coperta fino a 5 moduli in container ISO  20’ mentre la zona centrale fino 8 container ISO 20’). I PPA saranno costruiti presso il Cantiere Integrato di Riva Trigoso e Muggiano con consegna prevista per la prima unità della classe nel 2021, mentre i successivi saranno consegnati nel 2022, 2023, 2024 con due unità, nel 2025 e nel 2026.

a cura di Redazione
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>