LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Cielo
anteprima logo RID Vola il primo M-345

Il primo addestratore a getto intermedio M-345 HET (High Efficiency Trainer) ha effettuato oggi il volo inaugurale dall’aeroporto di Venegono Superiore (Varese). Ai comandi del velivolo i piloti della Divisione Velivoli di Leonardo, Quirino Bucci e Giacomo Iannelli. Per la precisione l'esemplare in questione era uno dei primi 5 di preserie destinati all'Aeronautica Militare con consegne a partire dai primi del 2020. Al momento, invece, il contratto per l'acquisizione dei primi 12-13 velivoli di serie – pronto da tempo – è in attesa dello sblocco (unitamente, ahinoi, ad altri importanti contratti d procurement militari, vedi VBM...) al Ministero dello Sviluppo Economico.

anteprima logo RID Altri 105 F-35 per il Giappone

Il Governo giapponese ha approvato l'acquisizione di altri 105 caccia multiruolo F-35, in aggiunta ai 42 già ordinati (di cui 9 già consegnati). Di questi 105 nuovi F-35, una quarantina dovrebbero essere in versione a decollo corto e atterraggio verticale STOVL. L'intenzione del Giappone, infatti, sembra quella di modificare le 2 grandi portaelicotteri tuttoponte classe IZUMO da 27.000 t per dotarle di sky-jump e, dunque, della possibilità di operare con l’F-35B. Un passo storico che farebbe cadere un’altra delle limitazioni imposte al Paese dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma che alla luce dei nuovi scenari, e della spettacolare ascesa del potere aero-navale cinese, non ha più senso di esistere. In tale quadro, il consenso americano ad una tale modifica della politica estera e di sicurezza del Giappone sarebbe scontato. Tutti i nuovi velivoli dovrebbero essere prodotti nella FACO “verticale” di Nagoya (la terza al mondo dopo Forth Worth e Cameri) che, a regime, dovrebbe realizzare 6 esemplari l’anno.

anteprima logo RID Altri 4 M-346 per la Polonia

Leonardo ha annunciato che il Ministero della Difesa della Polonia ha esercitato le opzioni per l'acquisizione di ulteriori 4 velivoli per l’addestramento avanzato M-346. L’esercizio delle opzioni, del valore di circa 130 milioni di euro, include il supporto logistico e un aggiornamento del sistema IFF dell'intera flotta di M-346 polacchi allo standard NATO STANAG 4193 Edition 3 sviluppato da Leonardo. Con una flotta di 16 velivoli, che sarà completata entro il 2022, la Polonia diventa il secondo maggiore cliente export dell’addestratore avanzato di Leonardo dopo Israele. Gli M-346 ad oggi ordinati da Italia, Polonia, Singapore e Israele sono in totale 76.

anteprima logo RID EUROMALE: si consolida il progetto

Il nuovo UAV europeo da ricognizione e strike EUROMALE ha ufficialmente completato la Preliminary Design Review. Nelle prossime settimane Airbus, in qualità di prime contractor del progetto, dovrebbe ricevere il contratto per lo sviluppo e la progettazione di dettaglio. L’obbiettivo, ricordiamolo, è avere l’EUROMALE in servizio nel 2025. Il programma, che riunisce Italia, Francia, Germania e Spagna, vede la partecipazione nel team guidato da Airbus, anche di Dassault, e Leonardo. Il velivolo si presenta di notevoli dimensioni, presumibilmente nella categoria "super-MALE" delle 5-6 t, ed apertura alare altrettanto notevole. Leonardo dovrebbe avere nel progetto una quota nell’ordine del 20-25%.

anteprima logo RID Il bombardiere B-21 completa la CDR

Tra il 28 ed il 30 novembre scorsi, l’USAF ha completato la Critcal Design Review (CDR) del futuro bombardiere strategico stealth Northrop Grumman B-21 RAIDER.

anteprima logo RID Bombardieri russi Tu-160 in Venezuela

In questi giorni, dopo un volo di 10.000 km, 2 bombardieri strategici supersonici, con capacità sia nucleari che convenzionali, Tu-160 BLACKJACK dell’Aeronautica Russa, sono atterrati all’aeroporto internazionale di Maiquíta, a circa 20 km da Caracas. I velivoli, accompagnati da un Il-62 ed un An-124, sono stati accolti dal Ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino López insieme a un centinaio di effettivi, tra piloti e personale tecnico. Questo è il terzo dispiegamento di bombardieri russi in Venezuela dopo quelli del 2003 e del 2008. L’arrivo del contingente russo in Venezuela è seguito all’incontro tra il Presidente Nicolas Madurro ed il Presidente Valdimir Putin, avvenuto la settimana scorsa a Mosca. In quell’occasione i 2 leader hanno discusso la precaria situazione economica del Venezuela e l’intenzione di rafforzare le relazioni strategiche tra i 2 Paesi. La Russia è il primo fornitore di armamenti delle Forze Armate venezuelane e inoltre ha investito nella compagnia petrolifera nazionale venezuelana PDVSA, fortemente indebitata.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>