LEONARDO
RID Articoli Mese
Ultime Notizie:
anteprima logo RID DEEPSTRIKE: il nuovo missile balistico USA

Alla base di Fort Sill in Oklahoma, la Raytheon ha completato l'integrazione del missile DEEPSTRIKE sui sistemi di artiglieria campale

a cura di
anteprima logo RID Il nuovo missile MBDA MMP testato a Gibuti

Dal 25 agosto al 22 settembre 2018 a Gibuti, la STAT (Section Technique de l'Armée de Terre), la DGA (Direction Général de l'Armement) e l'azienda MBDA hanno testato il missile anticarro a media portata MMP

a cura di
anteprima logo RID 7,3% in più per la Difesa norvegese

Lunedì 8 ottobre, il Governo norvegese ha annunciato di voler aumentare il budget per la Difesa del 7,3% per il prossimo anno. 

a cura di
anteprima logo RID La Francia riceve il primo PC-21

La base aerea Aérienne di Cognac ha accolto il primo PC-21

a cura di
anteprima logo RID Rollout per l'L-39NG

Si è svolto oggi a Praga il rollout dell’adestratore/aereo d’attacco leggero Aero Vodochody L-39 NG. Il velivolo, che otterrà la certificazione entro la fine del prossimo anno, costituisce una radicale evoluzione dell’L-39. Secondo l'azienda, la progettazione del velivolo ha richiesto 7.000 disegni e l’intero aereo si compone di 12.000 parti: 2.000 parti riguardano l’ala, 4.000 la fusoliera e 6.000 i sistemi. La caratteristica principale dell’L-39NG è l’adozione della nuova ala bagnata che ha consentito di rimuovere i serbatoi alle estremità alari dell’L-39 conferendo al velivolo maggiore manovrabilità e minore drag aerodinamico a tutto vantaggio pure dell’autonomia. Altre caratteristiche riguardano l’adozione del motore Williams International FJ44-4M, lo stesso dell’M-345, l’esteso ricorso ai compositi e l’adozione di un canopy a pezzo singolo, con una nuova disposizione delle 2 postazioni e che offre una maggiore visibilità per i piloti. Completamente nuova l’avionica ed il sistema di controllo del volo che deve ottimizzare le più avanzate caratteristiche aerodinamiche del velivolo. Ad oggi, gli L-39 NG in portafoglio sono 38.

a cura di
anteprima logo RID S-400 per l'India

Lo scorso 26 settembre il Comitato di Gabinetto per la Sicurezza indiano ha ratificato l’accordo per l’acquisto di 5 sistemi missilistici antiaerei e antibalistici a lungo raggio S-400 TRIUMF (SA-21 GROWLER in denominazione NATO) dalla Russia ad un costo di 5,43 miliardi di dollari.

a cura di
anteprima logo RID Sottomarini AIP, il Giappone introduce le batterie al litio

Il 4 ottobre, nel cantiere di Kobe è stato varato il sottomarino SS-511 ORYU, realizzato da Mitsubishi Heavy Industries (MHI). 

a cura di
anteprima logo RID Nuova capacità per il MiG-31?

Nei giorni scorsi sono comparse alcune fotografie ritraenti una particolare variante dell’intercettore MiG-31BM FOXHOUND-D (Blue 81) sulla pista del centro di test e valutazione Gromov di Zhukovsky (nei pressi di Ramenskoye, 40 km a sudest Mosca), armato con quello che appare un prototipo di un nuovo missile antisatellite montato sul pilone ventrale centrale della fusoliera. 

a cura di
anteprima logo RID 3 KING AIR 350ER per il Canada

Il Dipartimento di Stato USA ha approvato la richiesta canadese di acquisto di 3 Beechcraft KING AIR 350ER

a cura di
anteprima logo RID ASTER 30 sulle ultime 2 FREMM ASW francesi

Le ultime 2 fregate ASW tipo FREMM della Marina Francese, BRETAGNE e NORMANDIE, sono state equipaggiate con lanciatori SYLVER A50, in sostituzione dei SYLVER A43, per consentire il lancio dei missili sup-aria a medio-lungo raggio MBDA ASTER 30. Le unità mantengono, però, i SYLVER A70 per il lancio dei missili da crociera land attack MBDA SCALP NAVAL. Questa modifica si è resa necessaria per colmare il gap che si creerà con il ritiro dal servizio delle fregate AAW classe CASSARD, atteso per il 2020, e l’ingresso in servizio della settima e ottava FREMM in configurazione antiaerea, FREDA, previsto tra il 2022 ed il 2023.

a cura di
anteprima logo RID Fincantieri e Leonardo rilanciano OSN

In un doppio comunicato Leonardo e Fincantieri hanno annunciato l’accordo sui principi guida per stabilire una nuova intesa nel settore navale. Questa intesa passerà dal rilancio di Orizzonte Sistemi Navali (OSN), la joint venture partecipata da Fincantieri e Leonardo con quote rispettivamente del 51% e del 49%. L’intesa sarà oggetto di successivi accordi vincolanti che le parti definiranno nel rispetto dei profili regolatori applicabili. Fincantieri e Leonardo faranno della JV Orizzonte Sistemi Navali la design authority del sistema di combattimento delle unità navali, con tutte le competenze necessarie a svolgere compiutamente questo ruolo, migliorandone l’efficacia operativa, mentre Fincantieri svolgerà il ruolo di prime contractor, interfaccia unica verso il cliente e responsabile della nave combattente nel suo complesso (design authority della whole warship). Leonardo dal canto suo si consoliderà come preferred partner per il CMS ed i sistemi/apparati del sistema nave. Questa nuova intesa tra i 2 gruppi italiani riteniamo possa nascere per un miglior posizionamento del sistema Paese sia nell’ottica di nuove e importanti opportunità di export in campo navale (Brasile, Romania, Arabia Saudita, Algeria, ecc.) sia nell’ambito del processo di costituzione dell’alleanza italo-francese nella cantieristica civile-militare.

a cura di
anteprima logo RID La FOLGORE alla SABER JUNCTION 2018

E’ terminata in Germania la SABER JUNCTION 2018, l'esercitazione multinazionale ed interforze che ha visto impiegati oltre 200 paracadutisti della BRIGATA FOLGORE a fianco dei militari di 19 Paesi alleati. L’esercitazione, che rientra nel ciclo delle diverse attività annuali addestrative multinazionali ed interforze che vedono coinvolte la Brigata FOLGORE, è mirata a consolidare le capacità professionali, tecniche e tattiche del personale nell'integrare interoperabilità e standardizzazione delle procedure delle unità che costituiscono l’Airborne Community, nel caso in cui le forze aviotrasportate che la compongono siano chiamate ad operare in risposta a una situazione di crisi internazionale. Nel corso della SABER JUNCTION 2018 sono stati simulate diverse attività mirate a sviluppare un addestramento il più aderente possibile alla realtà dei moderni scenari operativi. Di particolare rilievo è stato l’aviolancio di massa effettuato nel corso dell’esercitazione con ben 500 paracadutisti in unico passaggio. La Brigata Paracadutisti FOLGORE ha impiegato assetti a livello compagnia del 183° Reggimento Paracadutisti NEMBO e un plotone esploratori di formazione su base   186° Reggimento Paracadutisti FOLGORE.  Grazie a un percorso addestrativo mirato a sviluppare le capacità di tale tipologia di unità su tutte le dimensioni (terza dimensione, anfibia, montana), gli esploratori hanno operato infiltrati - tramite aviolancio con la tecnica della caduta libera - ben oltre le linee amiche mettendo in atto la capacità Long Range Surveillance (LRS) volta alla ricognizione d'area, acquisizione e identificazione di Zone Lancio e Zone d'atterraggio e sorveglianza del campo di battaglia e di aree di interesse informativo per il livello superiore di comando. In questa esercitazione un ruolo di rilievo è stato giocato anche dalla 173dh Infantry Brigade Combat Team (Airborne), la ben nota 173ª Brigata aviotrasportata statunitense, e dagli esploratori della FOLGORE che hanno conseguito un eccellente livello di interoperabilità con le Forze Speciali americane. La 19ª compagnia paracadutisti "Linci" del 183° Reggimento Paracadutisti NEMBO ha messo in atto, a seguito di aviolancio,  una Joint Forcible Entry Operation con alti livelli di prontezza operativa,  garantendo un fondamentale supporto alla manovra del 2-503 battaglione della 173ª Brigata dell’US Army. Le unità guastatori paracadutisti hanno impiegato, sia in aria che in terra,  le unità ADR (Airfield Damage Repair) e ACRT (Advance Combat Engineer Reconnaissance Team).  Nel corso dell’esercitazione sono state potenziate le capacità operative degli assetti specializzati nelle operazioni aviotrasportate mediante l’utilizzo di nuove procedure tecnico-tattiche, la standardizzazione delle attività di ground assault convoy con  aviolancio, l’impiego simulato di esplosivi e la riparazione di piste d’atterraggio di aeromobili. Quest’ultima attività di cross-training con l’U.S. Army, messa in atto per la prima volta da un’unità di genieri italiana, ha permesso al plotone ADR la valutazione e il ripristino speditivo  di una pista semi preparata utilizzata nel corso dell’esercitazione per l’atterraggio in condizioni tattiche dei velivoli C-130 e C-27J.

a cura di
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>