LEONARDO
RID Articoli Mese
anteprima logo RID MUOS per gli E-2D della US Navy

Lo scorso 24 gennaio, il Comando Sistemi Aeronavali della Marina americana (NAVAIR) ha reso nota l’intenzione di siglare un contratto con la Northrop Grumman riguardante uno studio di fattibilità/valutazione tecnica per l’integrazione del sistema tattico di comunicazioni radio satellitari di nuova generazione MUOS a bordo dei velivoli di controllo ed early warning (AEW&C) E-2D ADVANCED HAWKEYE. 

a cura di
anteprima logo RID La Cina rivela il DF-26 "carrier killer"

I media di stato e gli esperti cinesi sostengono che il nuovo video sia la prova della capacità del DF-26 di colpire anche le portaerei americane in pieno Oceano Pacifico, ma i dubbi restano.  

a cura di
anteprima logo RID Pakistan Air Force: l'asso nella manica di Islamabad

Data di nascita, 15 agosto 1947. Sotto il segno del leone, ascendenza Royal Air Force. E sono caratteristiche che forniscono già un buon punto di partenza, per parlare di una forza aerea, la Pakistan Air Force (PAF, o Pakistan Fiza'ya), che in 70 anni è stata coinvolta in 5 guerre con l’India, 2 delle quali combattute - nel 1965 e nel 1971 - su vasta scala.

a cura di
anteprima logo RID Cina: nuovo cacciabombardiere

Non è mai facile penetrare la cortina di segretezza e incertezza che circonda i programmi aeronautici cinesi, ma la US Defense Intelligence Agency, nel suo ultimo rapporto, ritiene che la Cina stia sviluppando 2 aerei d'attaco stealth con capacità tipiche della 5ª Generazione: uno, “tattico”, sarebbe un cacciabombardiere, mentre il secondo sarebbe uno strategico a lungo raggio. Il rapporto DIA non si avventura nelle designazioni, ma è sostanzialmente confermato che lo strategico è conosciuto come XIAN H-20, e ci si attende un'ala volante concettualmente simile ai B-2 e B-21 di Northrop Grumman, con un raggio d'azione fra le 4000 e le 5000 miglia nautiche e con un carico bellico che potrebbe arrivare a 20 t. La DIA ritiene che l'H-20 assumerà la missione nucleare che è stata riassegnata all'Aeronautica nel 2017, andando quindi a completare per la prima volta una triade nucleare credibile per la Cina. Molto più incerta l'identificazione del cacciabombardiere tattico, che alcune fonti suggeriscono risponda alla sigla JH-XX. Questo velivolo sarebbe un prodotto Shenyang, come il J-31 e le derivazioni cinesi dei Sukhoi Su-27 e successivi, incluso il J-15 imbarcato. Immagini di un modello denominato JH-XX erano apparse per la prima volta nel 2013 e nuovi disegni sono stati pubblicati nell'edizione di maggio 2018 di Aviation Knowledge, la più anziana e prestigiosa pubblicazione cinese nel settore aerospaziale. Le immagini mostrano un design che ricorda i mai costruiti FB-22 ed FB-23, le proposte derivazioni “cacciabombardiere a lungo raggio”, di quello che è divenuto poi l'F-22 RAPTOR. Di quei concetti il JH-XX condivide le linee stealth, l'ampia stiva armamenti centrale e il cockpit per 2 membri d'equipaggio, ma si distingue per l'avere prese d'aria sul dorso della fusoliera, dietro all'abitacolo. Questa è un'ottima configurazione in termini di stealthness, ma presenta significative sfide dal punto di vista aerodinamico e della manovrabilità: qualcosa di simile è presente sul B-21 RAIDER e ci sono state notizie delle difficoltà che ha causato nelle prime fasi di sviluppo. Il nuovo velivolo cinese sarebbe equipaggiato di radar AESA, missili a lunga gittata e armamento di precisione. Il suo raggio d'azione potrebbe situarsi fra le 1000 e le 2000 miglia nautiche, in modo da estendere la bolla cinese di capacità Anti-Access, Area Denial (A2AD). Come cacciabombardiere potrebbe colpire obiettivi in Giappone e ben oltre la “prima linea di isole”, arrivando forse anche fino alla seconda linea, il che vuol dire, ovviamente, Guam. Nei giorni scorsi dalla Cina sono arrivate notizie che suggeriscono l'imminente sviluppo di una versione biposto del caccia stealth Chengdu J-20, che acquisirebbe contestualmente maggiori capacità aria-suolo e di Electronic Warfare. Sarebbe il primo caccia stealth biposto al mondo, e potrebbe anche essere il vero “bombardiere tattico”, poiché sussistono dubbi sull'effettivo proseguimento del JH-XX, da alcune fonti interpretato come un concorrente per il requisito strategico, sconfitto dall'H-20 e conseguentemente abbandonato. La DIA ritiene che la capacità operativa iniziale per entrambi i velivoli non sia probabile prima del 2025.

a cura di
anteprima logo RID Riapre il punto nautica dell'Istituto Idrografico MM

Riapre a Genova il Punto Nautica dell'Istituto Idrografico della Marina Militare.

a cura di
anteprima logo RID Rivelato il primo UCAV russo

Per Sukhoi sarebbe S-70, il Ministero della Difesa lo identifica con il nome OKHOTNIK. Il prototipo non impressiona e sembra ben lontano dall'essere un "vero" stealth, ma possiamo veramente fidarci delle foto? Forse i russi le hanno appositamente rilasciate per depistare i rivali. 

a cura di
anteprima logo RID Fregata MARGOTTINI in sosta a Gibuti

La FREMM sosterà per tre giorni nella città africana nell’ambito della Campagna Navale in Medio Oriente e Mar Arabico organizzata per garantire supporto al Sistema Paese

a cura di
anteprima logo RID I sistemi di lancio verticale

La prima installazione di un sistema a lancio verticale (Vertical Launching System, VLS) su una nave di superficie risale al 1977, in Unione Sovietica, quando l'incrociatore AZOV (classe KARA, Project 1134B) venne modificato, installando un sistema SA-N-6 GRUMBLE (S-300F FORT) con 6 tamburi ottupli per complessivi 48 missili, al posto dell'originaria rampa binata del SA-N-3 GOBLET (SHTORM). La successiva esperienza riguardò nel 1980 l'incrociatore pesante KIROV (Project 1144), con 12 tamburi (96 missili S-300F).

a cura di
anteprima logo RID Evadere e sopravvivere

"Tu special force, tu special force!” Risuona nelle teste dei militari bendati, legati, in ginocchio e incapaci di capire dove e di fronte a chi si trovano.

Urla, dolore ai muscoli e alle ossa, la sete che sale, i crampi allo stomaco per la fame e nonostante tutto una missione da portare a termine: sopravvivere.

Acronimo di Survival Evasion Resistance Escape, il SERE è un corso destinato ai piloti e al personale di bordo dell’Esercito Italiano, prima forza armata italiana ad introdurlo nel programma di addestramento.

a cura di
anteprima logo RID Stealth: l'eterna lotta tra la spada e lo scudo

La diffusione del Lockheed Martin F-35 LIGHTNING II, del quale oltre 350 esemplari sono già stati consegnati a 10 nazioni (USA inclusi) , ha portato molti Paesi in contatto per la prima volta con un velivolo da combattimento di 5a Generazione. Ricordiamo infatti che, escludendo l’USAF, per l’US Navy, l’USMC e per le Aeronautiche di Australia, Israele, Italia (AM e MM), Giappone, Olanda, Norvegia, Corea del Sud, Regno Unito e Turchia, la consegna di uno o più esemplari del LIGHTNING II ha rappresentato un salto in avanti epocale.

a cura di
anteprima logo RID Varata la FREMM SCHERGAT

E' stata varata oggi presso il cantiere Fincantieri di Riva Trigoso la fregata tipo FREMM SPARTACO SCHERGAT. L'unita è la nona della serie italiana ed è in configurazione multiruolo. La cerimonia del varo è avvenuta alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina  Militare Amm. Valter Girardelli e dell'AD di Fincantieri Giuseppe Bono. Tutti i dettagli su RID 3/19.

a cura di
anteprima logo Aeronautica Italiana Difesa Aerea: scramble per due Eurofighter dell'AM

Due caccia F-2000 Eurofighter dell'Aeronautica Militare, in prontezza per il servizio di sorveglianza dello spazio aereo, si sono alzati rapidamente in volo nel pomeriggio di oggi dalla base aerea di Istrana (TV), sede del 51° Stormo, per intercettare un velivolo RV-9, che, decollato dall'aviosuperficie di Torre Alfina (VT), con destinazione Bolzano, non aveva effettuato le necessarie comunicazioni radio con gli operatori addetti al controllo del traffico aereo.

Gli Eurofighter hanno intercettato il velivolo sopra i cieli del Veneto, dove hanno identificato l'aeromobile civile e si sono assicurati che l'equipaggio avesse ripristinato i regolari contatti radio con gli enti del traffico aereo. [...]

Leggi la notizia completa sul sito dell'Aeronautica Militare

a cura di
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>