anteprima logo RID B61-12 nuclear bomb moves forward 19-01-2018

On 9 December 2017, the US Department of Energy’s National Nuclear Security Administration, which is tasked with ensuring the effectiveness, safety and security of the US nuclear weapons stockpile, announced that it had successfully completed two qualification flight tests for the US’ new B61-12 freefall nuclear weapon. The tests were reported as having taken place at the Tonopah Test Range in Nevada, and were completed in early November 2017. During the tests, inert versions of the weapons were released by two US Air Force (USAF) Boeing F-15E Strike EAGLE fighters. The development of the B61-12 includes a number of organisations namely Sandia National Laboratories and the Los Alamos National Laboratory, both of which are thought to be involved with the overall design of the weapon and its physics package; Boeing which builds the B61-12’s tails assembly under contract from the Air Force Nuclear Weapons Centre and the Nuclear Security Enterprise which is tasked with the weapon’s manufacture. Scheduled to commence production in 2020, the B61-12 will replace a brace of B61 variants in the current US nuclear stockpile and will equip the USAF’s Lockheed Martin F-35A LIGHTNING II fighter and forthcoming Northrop Grumman B-21 RAIDER strategic bomber. Current US government plans call for up to 500 examples to be manufactured. The weapon is expected to have a variable yield of up to 50 kilotons (50,000t of conventional explosive) and to have earth penetration capabilities to hit buried targets. Find the article on: http://www.monch.com/mpg/news/air/2616-b61-12.html

a cura di Redazione
anteprima logo RID F-16 americani della Ohio ANG in Estonia 18-01-2018

Il 14 gennaio, 12 caccia F-16C Block 42 FIGHTING FALCON, appartenenti al 180° Fighter Wing della Ohio Air National Guard, sono atterrati nella base estone di Ämari come parte del dispositivo previsto dal Theater Security Package (TSP) 18.1 in supporto all’Operazione ATLANTIC RESOLVE. Oltre agli aerei ed ai rispettivi equipaggi, nelle 4 settimane precedenti l’ANG ha rischierato 275 tra tecnici ed operatori logistici del 112° Expeditionary Fighter Squadron STINGERS – gli ultimi dei quali giunti in Estonia l’8 gennaio a bordo di un C-5 GALAXY del Air Mobility Command - ai quali si sono aggiunti 75 uomini provenienti dal 52° Fighter Wing di stanza a Spangdahlem. Le operazioni di pianificazione e preparazione per le operazioni di volo dello Squadrone, avvenute in stretto coordinamento con l’Aeronautica Estone, hanno richiesto diversi mesi, tenuto conto di un programma che prevede una serie di esercitazioni aeree a larga scala. Durante il loro distaccamento estone, che dovrebbe durare fino al prossimo 7 marzo, gli aerei verranno impegnati in sessioni addestrative aria-aria ed aria-terra con velivoli appartenenti a Paesi alleati e partner NATO, secondo un programma che prevede lo svolgimento di circa 60 missioni alla settimana. La prima parte delle operazioni verrà effettuata nei test range ubicati sulle isole dell’Estonia occidentale (Hiiumaa e Vormsi) e riguarderanno sessioni aria-aria intervallate da rifornimenti in volo. È possibile che, durante tale fase, il dispositivo aereo italiano costituito da 4 EF-2000 TYPHOON (una coppia del 4° e una coppia del 36° Stormo dell’AM), presenti nella stessa Ämari per le operazioni di sorveglianza aerea dell’area Baltica, e quello danese costituito da 4 F-16, rischierati nella base lituana di Siauliai per gli stessi compiti, partecipino a tali operazioni. La seconda fase, invece, prevede lo svolgimento di missione di interdizione a bassa quota presso il poligono Keskpolügoon di 12.000 ettari situato a Pala, nella parte centro-settentrionale dell’Estonia. Durante questa fase, è prevista la partecipazione di personale belga in supporto alle unità anti aeree estoni.

a cura di Andrea Mottola
anteprima logo RID PIRANHA 5 per l’Esercito Rumeno 16-01-2018

GD European Land Systems – Mowag (GDELS) ha siglato un contratto con il Ministero della Difesa rumeno per la consegna di 227 blindati 8x8 PIRANHA 5, prodotti in 6 diverse configurazioni. L’appalto, il cui valore sfiora il miliardo di euro, è il più grande mai concluso dalla compagnia svizzera-americana. L’acquisto dei nuovi veicoli fa parte del piano di aggiornamento dei veicoli in dotazione alle Forze Armate rumene. Dei 227 previsti, 197 dei nuovi PIRANHA 5 verranno assemblati in Romania da Uzina Mecanic? Bucuresti (UMB), azienda specializzata nella costruzioni di veicoli blindati. Questa collaborazione fa parte di un più ampio progetto di cooperazione strategica, comprensivo di trasferimento tecnologico, le cui ricadute saranno utili al rilancio dell’economia nazionale. La Romania utilizza il PIRANHA sin dal 2006, dispiegato sia in missioni domestiche che all’estero, con risultati molto soddisfacenti.

a cura di Andrea Schiaffino
anteprima logo RID La battaglia di Tripoli: segnali per Roma 16-01-2018

Mentre in Italia già divampa la campagna elettorale, e si dà il via libera alle nuove missioni in Niger, Tunisia e nella stessa Libia (quest'ultima una rimodulazione), all'aeroporto tripolino di Mittiga ieri è andata in scena una battaglia durissima combattuto con l'impiego di mezzi pensanti, lanciarazzi e artiglieria e che ha lasciato sul terreno decine di morti. La milizia Al Bugra, fedele all'ex Premier islamista Khalifa Ghwell e basata nella cittadina di Tajura,, 14 km ad est di Tripoli, ha attaccato il complesso dell'aeroporto per liberare alcuni prigionieri. Mittiga è controllato dalla RADA, la milizia guidata da Abdul Rauif Kara, uomo di Abdelhakim Belhadj (storico esponente del Gruppo Islamico Combattente Libico, riciclatosi in uomo...d'affari al servizio di Trchia e Qtar), una delle milizie che sostiene il Consiglio Presidenziale di Serraj. In soccorso degli uomini di Kara sono presto accorsi i miliziani della Brigata dei Rivoluzionari di Tripoli di Haithem Tajouri e i miliziani Abdul Ghani Al-Kikli, detto Ghneiwa, e l’attacco è stato respinto seppur al prezzo di perdite ingenti. Mittiga resta ancora chiuso, pare che almeno un pai

a cura di Pietro Batacchi
anteprima logo RID Alla Marina Militare il primo F-35B 16-01-2018

Finalmente è terminata l'incertezza sulla sorte del primo F-35B italiano (BL-1). Il velivolo andrà infatti alla Marina Militare alla quale sarà consegnato ufficialmente con una cerimonia che si terrà a Cameri il 25 gennaio e che vedrà la partecipazione anche del Capo di Stato Maggiore della Marina Amm. Walter Girardelli.

a cura di Pietro Batacchi
anteprima logo Stato Maggiore Difesa Concluso il BWASC in favore delle Forze irachene 15-01-2018

Gli istruttori della missione Prima Parthica hanno concluso il corso Basic Wide Area Security Course (WAS) a favore delle Forze di Sicurezza irachene della Regione Autonoma del Kurdistan.

a cura di Stato Maggiore Difesa
anteprima logo Esercito Italiano Esercitazione congiunta per la Folgore 16-01-2018

Libano: i peacekeepers di “ITALBATT” impegnati nella “Combinex 2018”.

a cura di Esercito Italiano
anteprima logo Marina Italiana La Espero lascia Larnaca dopo una sosta operativa 17-01-2018

La sosta a Cipro è stata una occasione per attività di addestramento congiunto per la ricerca e soccorso in mare.

a cura di Marina Militare
anteprima logo Aeronautica Italiana Gen. Vecciarelli nuovo Direttore dell'EAG 18-01-2018

Mercoledì 17 gennaio l’Air General Javier Salto, Capo di Stato Maggiore dell’Ejercito del Aire, ha passato le consegne di Direttore dello European Air Group al Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare. 

a cura di Aeronautica Militare
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>